L’interpretazione creativa e il giudice di merito