A proposito di «salveminiani e machiavellici»: un commento a Michele Salvati