Le persone, infiniti fini in sé. Un ricordo di Marco Maria Olivetti lettore di Kant