Il patetico fra teoria e prassi nel XVIII secolo