Il contributo intende analizzare tutti i possibili continuatori ittiti della radice indoeuropea *steh2- 'stare', sia alla luce delle riflessioni belardiane del 1976, sia traendo spunto dalle osservazioni di H. Eichner (1988), O. Carruba (1986), A. Archi (1995) e R. Francia (2010), riflessioni che offrono il presupposto per tentare di offrire una nuova interpretazione etimologica del verbo ittito istanh- 'gustare, assaporare cibi', che viene dunque interpretato semanticamente alla luce di alcune teorie tratte dalla linguistica cognitiva (cfr. soprattutto Lakoff e Johnson 1980), in base alla metafora secondo la quale esperire = conoscere. Il lavoro intende dimostrare che in ittito, esattamente come in altre lingue del gruppo indoeuropeo, poteva coesistere una semantica letterale localistica e contestualmente una astratta metaforica, e che la staticità (localistica) - riflessa dalla lingua stessa - avrebbe condotto alla conoscenza (astratta), secondo la metafora cognitiva in base alla quale 'temporeggiare/stare (porsi spazialmente verso l'oggetto di conoscenza) è conoscere'.

From Experiential Contact to Abstract Thought. Reflections on Some Hittite Outcomes of IE *steh2- ‘to stand’ and *men- ‘to think’ / Pozza, Marianna. - (2020), pp. 317-334. ((Intervento presentato al convegno Hrozný and Hittite. The First Hundred Years tenutosi a Prague.

From Experiential Contact to Abstract Thought. Reflections on Some Hittite Outcomes of IE *steh2- ‘to stand’ and *men- ‘to think’

POZZA, MARIANNA
2020

Abstract

Il contributo intende analizzare tutti i possibili continuatori ittiti della radice indoeuropea *steh2- 'stare', sia alla luce delle riflessioni belardiane del 1976, sia traendo spunto dalle osservazioni di H. Eichner (1988), O. Carruba (1986), A. Archi (1995) e R. Francia (2010), riflessioni che offrono il presupposto per tentare di offrire una nuova interpretazione etimologica del verbo ittito istanh- 'gustare, assaporare cibi', che viene dunque interpretato semanticamente alla luce di alcune teorie tratte dalla linguistica cognitiva (cfr. soprattutto Lakoff e Johnson 1980), in base alla metafora secondo la quale esperire = conoscere. Il lavoro intende dimostrare che in ittito, esattamente come in altre lingue del gruppo indoeuropeo, poteva coesistere una semantica letterale localistica e contestualmente una astratta metaforica, e che la staticità (localistica) - riflessa dalla lingua stessa - avrebbe condotto alla conoscenza (astratta), secondo la metafora cognitiva in base alla quale 'temporeggiare/stare (porsi spazialmente verso l'oggetto di conoscenza) è conoscere'.
978-90-04-41311-5
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Pozza_From-experiential-contact_2020.pdf

solo gestori archivio

Note: https://brill.com/view/title/55921
Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 622.33 kB
Formato Adobe PDF
622.33 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1350320
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact