Il fascino «volatile» della poesia