Mito e civiltà: la lettura adorniana della Ifigenia di Goethe