Fascismo e diritto: una ricerca sul nulla?