It is well-known that some of the main abiotic factors that characterise the urban microclimate – whether they be physical (such as temperature, air humidity, the quantity of sun exposure at ground level and on buildings, ventilation flows) or chemical, such as the pollutants found in the urban atmosphere, have significant interactions with the factors with urban biotic factors, which noticeably influence them. The fundamental biotic factor to which it refers – the urban vegetation systems, both on the scale of urban space (city parks, green decor, public gardens with facilities such as park benches, etc.) and when incorporated into buildings (green roofs, vertical gardens, hanging gardens). This biotic factor establishes significant physical and chemical forms of interaction with abiotic elements – particularly at a microclimate level – were observed and assessed, achieving particular conditions of wholesomeness and environmental comfort both as regards urban spaces and within the buildings that interact with those spaces. There are different types of regulation and improvement of the urban microclimate that the biotic factor can exert: regulation through sensitive effects on temperatures (mitigating urban heat islands), on hygrometric conditions and on ventilation at a local level; as well as regulating noise pollution and improving air quality by counteracting the polluting factors and agents in the atmosphere produced by the various sources of pollution (isolated, multiple, linear or aerial) found in urban areas, the mitigation and control of noise pollution. The article defines the types and different configurations that vegetable installations can take in urban centers, whether they are related to public space or related and integrated to specific building bodies, after having elaborated an original type-morphological classification illustrates the results of the process evaluative, in qualitative and quantitative terms, of the effects and incidences of the aforementioned interactions between the biotic-vegetational elements (depending precisely on the specific configurations and types of plants identified) and the abiotic factors of microclimatic level, also attempting to trace possible research directions and strategic-planning approach functional to the optimization objectives of that particular climatic context definable as 'urban microclimate'. Trough particular approaches and strategies, even an ‘intangible context’ such as an urban microclimate can be designed, mitigated, regulated and its balance restored. This is a feasible goal that can be achieved and that can no longer be delayed. Thanks to their complex shape, constitution and ‘metabolic’ characteristics, linked to the production of heat, gas and pollutants, urban areas require the constant improvement of the technical and planning approaches that can develop them, so as to guarantee high standards where environmental healthiness, comfort and well-being, constitutes a central and substantial theme

E’ noto che alcuni dei principali fattori abiotici che caratterizzano il microclima urbano, siano essi di ordine fisico, come la temperatura, l’umidità dell’aria, i livelli di soleggiamento al suolo e in rapporto all’edificato, i flussi di ventilazione, oppure di ordine chimico, come gli inquinanti presenti nelle atmosfere urbane, hanno rilevanti interazioni con i fattori biotici urbani, dai quali risultano sensibilmente influenzati. Il fondamentale fattore biotico a cui ci si riferisce è rappresentato dagli impianti vegetazionali urbani, siano essi riferiti al livello dello spazio urbano (parchi urbani, verde d’arredo, verde attrezzato, ecc.) che integrati agli edifici (green roof, verde verticale, giardini pensili). Tale fattore biotico stabilisce importanti interazioni fisico-chimiche con i fattori abiotici, soprattutto di livello microclimatico, favorendo condizioni di salubrità e di comfort ambientale sia in rapporto agli spazi urbani che all’interno degli edifici che con tali spazi si interfacciano. Differenti sono i tipi di regolazione e miglioramento del microclima urbano che il fattore biotico può esercitare: la regolazione attraverso sensibili effetti sulle temperature (mitigazione dell’isola di calore urbana), sulle condizioni igrometriche, sulla ventosità locale; il miglioramento della qualità dell’aria e il controllo/contrasto degli agenti inquinanti prodotti dalle diverse tipologie di sorgenti inquinanti (isolate, multiple, lineari, areali) presenti nelle aree urbane; la mitigazione e il controllo dell’inquinamento acustico. L’articolo, definite le tipologie e le differenti configurazioni che gli impianti vegetali possono assumere nei centri urbani, siano queste relazionate allo spazio pubblico che riferite e integrate agli specifici organismi edilizi, dopo averne elaborato una classificazione tipo-morfologica originale illustra i risultati del processo valutativo, in termini qualiquantitativi, degli effetti e delle incidenze delle suddette interazioni tra gli elementi bioticovegetazionali (in funzione per l'appunto delle specifiche configurazioni e tipologie di impianto individuate) e i fattori abiotici di livello microclimatico, tentando altresì di tracciare possibili direzioni di ricerca e di approccio strategico-progettuale funzionali agli obiettivi di ottimizzazione di quel particolare contesto climatico definibile come 'microclima urbano'. Attraverso specifici approcci e strategie di intervento, anche un 'contesto immateriale' come il microclima urbano può essere progettato, riequilibrato, mitigato e controllato. Ciò costituisce un obiettivo raggiungibile, concretamente attuabile e non più differibile: Gli agglomerati urbani, in relazione alle loro complesse caratteristiche morfologico-costitutive e 'metaboliche', richiedono una costante ottimizzazione delle modalità di approccio tecnico-progettuale funzionali alla loro trasformazione, al fine di garantire uno standard di qualità in cui la salubrità dell’ambiente, il comfort e il benessere ambientale, costituiscano una tematica centrale e sostanziale.

Designing the Biotic Environment with a view to restoring the balance of the Urban Microclimate | La progettazione dell'ambiente biotico per un riequilibrio del microclima urbano / Tucci, Fabrizio; D'Olimpio, Domenico. - In: SUSTAINABLE MEDITERRANEAN CONSTRUCTION. - ISSN 2420-8213. - 10/2019:(2019), pp. 125-130.

Designing the Biotic Environment with a view to restoring the balance of the Urban Microclimate | La progettazione dell'ambiente biotico per un riequilibrio del microclima urbano

Tucci Fabrizio
Primo
;
D'Olimpio Domenico
2019

Abstract

It is well-known that some of the main abiotic factors that characterise the urban microclimate – whether they be physical (such as temperature, air humidity, the quantity of sun exposure at ground level and on buildings, ventilation flows) or chemical, such as the pollutants found in the urban atmosphere, have significant interactions with the factors with urban biotic factors, which noticeably influence them. The fundamental biotic factor to which it refers – the urban vegetation systems, both on the scale of urban space (city parks, green decor, public gardens with facilities such as park benches, etc.) and when incorporated into buildings (green roofs, vertical gardens, hanging gardens). This biotic factor establishes significant physical and chemical forms of interaction with abiotic elements – particularly at a microclimate level – were observed and assessed, achieving particular conditions of wholesomeness and environmental comfort both as regards urban spaces and within the buildings that interact with those spaces. There are different types of regulation and improvement of the urban microclimate that the biotic factor can exert: regulation through sensitive effects on temperatures (mitigating urban heat islands), on hygrometric conditions and on ventilation at a local level; as well as regulating noise pollution and improving air quality by counteracting the polluting factors and agents in the atmosphere produced by the various sources of pollution (isolated, multiple, linear or aerial) found in urban areas, the mitigation and control of noise pollution. The article defines the types and different configurations that vegetable installations can take in urban centers, whether they are related to public space or related and integrated to specific building bodies, after having elaborated an original type-morphological classification illustrates the results of the process evaluative, in qualitative and quantitative terms, of the effects and incidences of the aforementioned interactions between the biotic-vegetational elements (depending precisely on the specific configurations and types of plants identified) and the abiotic factors of microclimatic level, also attempting to trace possible research directions and strategic-planning approach functional to the optimization objectives of that particular climatic context definable as 'urban microclimate'. Trough particular approaches and strategies, even an ‘intangible context’ such as an urban microclimate can be designed, mitigated, regulated and its balance restored. This is a feasible goal that can be achieved and that can no longer be delayed. Thanks to their complex shape, constitution and ‘metabolic’ characteristics, linked to the production of heat, gas and pollutants, urban areas require the constant improvement of the technical and planning approaches that can develop them, so as to guarantee high standards where environmental healthiness, comfort and well-being, constitutes a central and substantial theme
2019
E’ noto che alcuni dei principali fattori abiotici che caratterizzano il microclima urbano, siano essi di ordine fisico, come la temperatura, l’umidità dell’aria, i livelli di soleggiamento al suolo e in rapporto all’edificato, i flussi di ventilazione, oppure di ordine chimico, come gli inquinanti presenti nelle atmosfere urbane, hanno rilevanti interazioni con i fattori biotici urbani, dai quali risultano sensibilmente influenzati. Il fondamentale fattore biotico a cui ci si riferisce è rappresentato dagli impianti vegetazionali urbani, siano essi riferiti al livello dello spazio urbano (parchi urbani, verde d’arredo, verde attrezzato, ecc.) che integrati agli edifici (green roof, verde verticale, giardini pensili). Tale fattore biotico stabilisce importanti interazioni fisico-chimiche con i fattori abiotici, soprattutto di livello microclimatico, favorendo condizioni di salubrità e di comfort ambientale sia in rapporto agli spazi urbani che all’interno degli edifici che con tali spazi si interfacciano. Differenti sono i tipi di regolazione e miglioramento del microclima urbano che il fattore biotico può esercitare: la regolazione attraverso sensibili effetti sulle temperature (mitigazione dell’isola di calore urbana), sulle condizioni igrometriche, sulla ventosità locale; il miglioramento della qualità dell’aria e il controllo/contrasto degli agenti inquinanti prodotti dalle diverse tipologie di sorgenti inquinanti (isolate, multiple, lineari, areali) presenti nelle aree urbane; la mitigazione e il controllo dell’inquinamento acustico. L’articolo, definite le tipologie e le differenti configurazioni che gli impianti vegetali possono assumere nei centri urbani, siano queste relazionate allo spazio pubblico che riferite e integrate agli specifici organismi edilizi, dopo averne elaborato una classificazione tipo-morfologica originale illustra i risultati del processo valutativo, in termini qualiquantitativi, degli effetti e delle incidenze delle suddette interazioni tra gli elementi bioticovegetazionali (in funzione per l'appunto delle specifiche configurazioni e tipologie di impianto individuate) e i fattori abiotici di livello microclimatico, tentando altresì di tracciare possibili direzioni di ricerca e di approccio strategico-progettuale funzionali agli obiettivi di ottimizzazione di quel particolare contesto climatico definibile come 'microclima urbano'. Attraverso specifici approcci e strategie di intervento, anche un 'contesto immateriale' come il microclima urbano può essere progettato, riequilibrato, mitigato e controllato. Ciò costituisce un obiettivo raggiungibile, concretamente attuabile e non più differibile: Gli agglomerati urbani, in relazione alle loro complesse caratteristiche morfologico-costitutive e 'metaboliche', richiedono una costante ottimizzazione delle modalità di approccio tecnico-progettuale funzionali alla loro trasformazione, al fine di garantire uno standard di qualità in cui la salubrità dell’ambiente, il comfort e il benessere ambientale, costituiscano una tematica centrale e sostanziale.
microclima urbano; fattori abiotici chimici; fattori abiotici fisici; verde urbano; controllo ambientale; sottrazione CO2, decarbonizzazione; climate change; adaptation; climate mitigation
01 Pubblicazione su rivista::01a Articolo in rivista
Designing the Biotic Environment with a view to restoring the balance of the Urban Microclimate | La progettazione dell'ambiente biotico per un riequilibrio del microclima urbano / Tucci, Fabrizio; D'Olimpio, Domenico. - In: SUSTAINABLE MEDITERRANEAN CONSTRUCTION. - ISSN 2420-8213. - 10/2019:(2019), pp. 125-130.
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Tucci_Designing_2020.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 1.67 MB
Formato Adobe PDF
1.67 MB Adobe PDF   Contatta l'autore

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1338058
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact