OGM, precauzione e coesistenza: verso un approccio (bio)politicamente corretto?