The essay traces the dynamics of growth of contemporary Rome, in the second half of the Nineteenth century, since becoming capital of the Italian State. The focus is on the late "zoning" process of the city, that is, on the social division of its urban space, that finds between the two World Wars a first moment of structuring. A process that therefore coincides in part with the fascist regime, when it takes shape, but that starts again and strengthens in the post-World War II. Particular attention is paid to the housing situation of the suburbs and to the documentation we have about it, to conclude, also following the thread of the personal experience of the author, with a reflection on the peculiar season of the 1970s.

Il saggio ripercorre sinteticamente le dinamiche di crescita di Roma contemporanea, dal suo divenire capitale dello Stato italiano, nella seconda metà dell’Ottocento, soffermandosi sul tardivo processo di “zonizzazione” della città, cioè sulla divisione sociale del suo spazio urbano che trova tra le due guerre mondiali un primo momento di strutturazione. Un processo che coincide quindi in parte con il regime fascista, e da qui prende forma, ma poi riparte e si rafforza nel corso del secondo dopoguerra. L’attenzione va in particolare alla realtà abitativa delle periferie e alla documentazione di cui disponiamo in proposito, per concludere, seguendo anche il filo dell’esperienza personale dell’autrice, con una riflessione sulla particolare stagione degli anni Settanta.

Roma: dalla walking city alle molte periferie del Novecento / Piccioni, Lidia. - In: LA CRITICA SOCIOLOGICA. - ISSN 0011-1546. - LII:208(2018), pp. 61-69.

Roma: dalla walking city alle molte periferie del Novecento

Piccioni, Lidia
2018

Abstract

Il saggio ripercorre sinteticamente le dinamiche di crescita di Roma contemporanea, dal suo divenire capitale dello Stato italiano, nella seconda metà dell’Ottocento, soffermandosi sul tardivo processo di “zonizzazione” della città, cioè sulla divisione sociale del suo spazio urbano che trova tra le due guerre mondiali un primo momento di strutturazione. Un processo che coincide quindi in parte con il regime fascista, e da qui prende forma, ma poi riparte e si rafforza nel corso del secondo dopoguerra. L’attenzione va in particolare alla realtà abitativa delle periferie e alla documentazione di cui disponiamo in proposito, per concludere, seguendo anche il filo dell’esperienza personale dell’autrice, con una riflessione sulla particolare stagione degli anni Settanta.
The essay traces the dynamics of growth of contemporary Rome, in the second half of the Nineteenth century, since becoming capital of the Italian State. The focus is on the late "zoning" process of the city, that is, on the social division of its urban space, that finds between the two World Wars a first moment of structuring. A process that therefore coincides in part with the fascist regime, when it takes shape, but that starts again and strengthens in the post-World War II. Particular attention is paid to the housing situation of the suburbs and to the documentation we have about it, to conclude, also following the thread of the personal experience of the author, with a reflection on the peculiar season of the 1970s.
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Piccioni_Roma-walking-city_2018.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 910.99 kB
Formato Adobe PDF
910.99 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/1292085
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact