Commento a: Petra Perez Alonso-Geta, Il gioco nell'educazione sociale ed emozionale