La "cessione" delle revocatorie