Tra sostenibilità sociale e benessere soggettivo. Lo spazio del lavoro dignitoso