La centralizzazione degli acquisti permette di spendere “meglio” nel settore sanitario?