«Perché l’altro deve essere scoperto…». L’umanesimo di Todorov, tra critica della violenza e ibridazione culturale