Decio Gioseffi e La Prospettiva come "forma simbolica"