A proposito della terminologia convenzionale dei manufatti ceramici in archeologia