La «prima» scuola italiana di diritto pubblico tra continuità e rotture