Anna Longoni - Giorgio Manganelli o l’inutile necessità della letteratura