Artemisia absinthium L, dalla “fata verde” ai potenziali impieghi terapeutici