Il caso Bagnoli alla luce della giurisprudenza eurounitaria