Il presente lavoro pone la definizione di impresa sociale come suo fondamento teorico e si prefigge di verificare se le condizioni di sviluppo del modello siano connesse o meno alla distribuzione degli utili. Il tema è al centro del dibattito scientifico e politico, tanto a livello nazionale quanto internazionale. Alcuni Autori ritengono che la distribuzione di utili comporti una riduzione della qualità dei servizi erogati e risulti, pertanto, incompatibile con le finalità sociali dell’ente; altri affermano, al contrario, che essa consente un miglioramento delle performance sociali, grazie ad una gestione economico-finanziaria più equilibrata. In Italia, la recente riforma dell’impresa sociale si inserisce in questo ambito. Come è noto, infatti, il legislatore delegato, pur ribadendo l’assenza di scopo di lucro, ammette una limitata distribuzione di utili e avanzi di gestione. Gli Autori si prefiggono di analizzare gli effetti che tale distribuzione può ingenerare sullo sviluppo dell’impresa sociale attraverso un’indagine empirica e una rilettura, in chiave economico-aziendale, della nozione di profitto.

La rimozione del divieto assoluto di distribuzione di utili e avanzi di gestione nell'impresa sociale. Opportunità e rischi / Cosentino, Antonietta; Di Stefano, Cristina; Magistro, Angela. - ELETTRONICO. - (2018), pp. 1-19. ((Intervento presentato al convegno L’impresa sociale oltre la riforma tenutosi a Trento.

La rimozione del divieto assoluto di distribuzione di utili e avanzi di gestione nell'impresa sociale. Opportunità e rischi

Cosentino, Antonietta
;
Magistro, Angela
2018

Abstract

Il presente lavoro pone la definizione di impresa sociale come suo fondamento teorico e si prefigge di verificare se le condizioni di sviluppo del modello siano connesse o meno alla distribuzione degli utili. Il tema è al centro del dibattito scientifico e politico, tanto a livello nazionale quanto internazionale. Alcuni Autori ritengono che la distribuzione di utili comporti una riduzione della qualità dei servizi erogati e risulti, pertanto, incompatibile con le finalità sociali dell’ente; altri affermano, al contrario, che essa consente un miglioramento delle performance sociali, grazie ad una gestione economico-finanziaria più equilibrata. In Italia, la recente riforma dell’impresa sociale si inserisce in questo ambito. Come è noto, infatti, il legislatore delegato, pur ribadendo l’assenza di scopo di lucro, ammette una limitata distribuzione di utili e avanzi di gestione. Gli Autori si prefiggono di analizzare gli effetti che tale distribuzione può ingenerare sullo sviluppo dell’impresa sociale attraverso un’indagine empirica e una rilettura, in chiave economico-aziendale, della nozione di profitto.
9788890983276
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Cosentino_Rimozione_2018.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Documento in Post-print (versione successiva alla peer review e accettata per la pubblicazione)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 679.9 kB
Formato Adobe PDF
679.9 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Cosentino_Rimozione_2018.pdf

accesso aperto

Note: https://irisnetwork.it/wp-content/uploads/2018/06/cosentino-distefano-magistro.pdf
Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Creative commons
Dimensione 930.49 kB
Formato Adobe PDF
930.49 kB Adobe PDF Visualizza/Apri PDF

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/1121425
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact