La percezione del Canzoniere come opera unitaria fino al Cinquecento