Editoriale. I problemi delle banche vanno molto oltre le mele marce