Lo sviluppo del linguaggio: una "dimenticanza" nel metodo?