L'Orchestra di Piazza Vittorio, ovvero: la world music alla romana