Le tribolazioni del ricercatore tra ingiunzioni valutative e pratiche di cura di sè