Sulla presenza di portatori fecali di Cl. Perfringens enterotossico in gruppi di alimentaristi e di soggetti sani presi a caso