Termini processuali e sostanziali: una breccia nella tradizionale classificazione