This essay is focused on the so-called Falconer, currently kept in the Opera Museum of Ravello’s cathedral. That is a high relief dating from Frederick II’s age, made in just one marble block, which depicts a young man holding a falcon in the left hand and its hood in the right one or, more probably, the tiratorio, i.e. a piece of flesh the bird could attack. On the side, there is a dog that is biting its prey. The chronology of the artwork is clear, but its subject and its provenance are a real ‘brainteaser’. Moreover, the question of the original location of the sculpture – said to be in the church of S. Giovanni del Toro by an inventory of 1811 – is strictly linked to its significance. At first, we can rule out the possibility it portrays Frederick II or his son Manfred, both for the shape of the crown – too ‘modest’ to be interpreted as a power attribute – and especially for the kind of the character representation: as we know, they totally differ from the usual imperial portraits of Frederick II’s times. Therefore, we take under consideration the fact it could be a fragment of the cycle of the Months (it would be the figure of May) or of the Ages of man (it would be the adolescence), or it could have formed part of a funerary monument. Anyway, in all the examples referring to these typologies, the dog (if present) is never depicted in such a lively action like in this relief. In Arthurian novels and troubadour literature the hawk is the lover attribute: in late Medieval ivories, subjects such as the Cavalcade of the lovers and the Love meeting – where the animal (in the hands of one of the lovers or of both) is an almost constant presence – appear very frequently. So, the high relief of Ravello is interpreted as a Minneallegorie (that is, as an allegory of courtly love) and consequently it can be linked to a profane context, maybe a fountain or a noble residence. The analysis of the sculpture making provides further information. In fact, the incline of the feet and the trajectory of the look allow to determine the hypothetical point of view and to claim that the relief had to be set at a height of m 1.80 from the ground. We also underscore that the slab does not have a homogeneous thickness, being deeper on the left side where the figure is almost an all-round one: this testifies it was perfectly visible from that side. On the right hand, the situation looks completely different, instead: there, because of a subtler thickness, the relief gets lower and lower as the sculpted surface turns around the corner. This last detail clearly shows the piece is not the fragment of a larger slab. Finally, because of the shape of the slab and of the sculpting of the figure, it is more plausible the piece came from a palace than from a fountain.

L’articolo è dedicato al c.d. Falconiere, attualmente conservato nel Museo dell’Opera del Duomo di Ravello. Si tratta di un altorilievo di epoca federiciana, realizzato in un unico blocco di marmo, che rappresenta un giovane uomo con un falcone nella mano sinistra e nella destra il cappuccio o, più probabilmente, il tiratorio, ovvero il pezzo di carne sul quale il volatile sfogava la sua aggressività. A fianco è un cane che addenta la preda. L’opera non pone problemi cronologici, ma si rivela un vero ‘rompicapo’ quanto al soggetto e alla provenienza. Il problema della collocazione originaria del pezzo – che un inventario del 1811 menziona nella chiesa di S. Giovanni del Toro – è del resto strettamente legato a quello del suo significato. In primo luogo, viene sgombrato il campo dall’ipotesi che possa trattarsi di un ritratto di Federico II o di suo figlio Manfredi , sia per la foggia della corona – troppo ‘modesta’ per poter essere interpretata come attributo di potere – sia soprattutto per le modalità di rappresentazione del personaggio: esse, infatti, differiscono totalmente da quanto conosciamo sulla ritrattistica imperiale federiciana. Quindi viene analizzata la possibilità che ci troviamo di fronte a un frammento di un ciclo dei Mesi (sarebbe la figura di Maggio) o delle Età dell’uomo (sarebbe l’Adolescenza), o che la scultura facesse parte di un monumento funebre. In tutti gli esempi appartenenti a queste tipologie, però, il cane (quando è presente) non è mai còlto in un’azione così vivace come quella che vediamo nel nostro rilievo. Nei romanzi arturiani e nella letteratura trobadorica il falco è l’attributo dell’amante e nella produzione eburnea tardomedievale appaiono con grande frequenza soggetti quali la Cavalcata degli amanti e l’Incontro amoroso, in cui la l’animale (in mano a uno dei due amanti, o a entrambi) è una presenza pressoché costante. L’altorilievo di Ravello viene quindi interpretato come una Minneallegorie (cioè come un’allegoria dell’amore cortese) e di conseguenza collegato a un contesto profano, forse una fontana o una residenza nobiliare. L’analisi della lavorazione della figura dà ulteriori indicazioni. L’inclinazione dei piedi e la traiettoria dello sguardo permettono, infatti, di determinare l’ipotetico punto di osservazione e stabilire che il rilievo doveva essere collocato a un’altezza di circa m 1.80 da terra. Viene inoltre sottolineato che la lastra non ha uno spessore omogeneo, ma è più profonda a sinistra dove la figura è lavorata quasi a tutto tondo: ciò dimostra che da quel lato era perfettamente visibile. A destra la situazione appare, invece, completamente diversa: qui, infatti, a causa della riduzione dello spessore, il rilievo si abbassa notevolmente mentre la superficie lavorata gira oltre l’angolo. Quest’ultimo dato rivela in maniera evidente che non si tratta di un frammento di una lastra più grande. Sia la forma della lastra, sia la lavorazione delle figure rendono dunque plausibile l’ipotesi dell’appartenenza del pezzo a un palazzo più che a una fontana.

Qualche riflessione sul falconiere del Museo dell’Opera del duomo di Ravello / D'Achille, Anna Maria. - In: ARTE MEDIEVALE. - ISSN 0393-7267. - STAMPA. - VIII:IV(2017), pp. 135-150.

Qualche riflessione sul falconiere del Museo dell’Opera del duomo di Ravello

ANNA MARIA D'ACHILLE
2017

Abstract

This essay is focused on the so-called Falconer, currently kept in the Opera Museum of Ravello’s cathedral. That is a high relief dating from Frederick II’s age, made in just one marble block, which depicts a young man holding a falcon in the left hand and its hood in the right one or, more probably, the tiratorio, i.e. a piece of flesh the bird could attack. On the side, there is a dog that is biting its prey. The chronology of the artwork is clear, but its subject and its provenance are a real ‘brainteaser’. Moreover, the question of the original location of the sculpture – said to be in the church of S. Giovanni del Toro by an inventory of 1811 – is strictly linked to its significance. At first, we can rule out the possibility it portrays Frederick II or his son Manfred, both for the shape of the crown – too ‘modest’ to be interpreted as a power attribute – and especially for the kind of the character representation: as we know, they totally differ from the usual imperial portraits of Frederick II’s times. Therefore, we take under consideration the fact it could be a fragment of the cycle of the Months (it would be the figure of May) or of the Ages of man (it would be the adolescence), or it could have formed part of a funerary monument. Anyway, in all the examples referring to these typologies, the dog (if present) is never depicted in such a lively action like in this relief. In Arthurian novels and troubadour literature the hawk is the lover attribute: in late Medieval ivories, subjects such as the Cavalcade of the lovers and the Love meeting – where the animal (in the hands of one of the lovers or of both) is an almost constant presence – appear very frequently. So, the high relief of Ravello is interpreted as a Minneallegorie (that is, as an allegory of courtly love) and consequently it can be linked to a profane context, maybe a fountain or a noble residence. The analysis of the sculpture making provides further information. In fact, the incline of the feet and the trajectory of the look allow to determine the hypothetical point of view and to claim that the relief had to be set at a height of m 1.80 from the ground. We also underscore that the slab does not have a homogeneous thickness, being deeper on the left side where the figure is almost an all-round one: this testifies it was perfectly visible from that side. On the right hand, the situation looks completely different, instead: there, because of a subtler thickness, the relief gets lower and lower as the sculpted surface turns around the corner. This last detail clearly shows the piece is not the fragment of a larger slab. Finally, because of the shape of the slab and of the sculpting of the figure, it is more plausible the piece came from a palace than from a fountain.
2017
L’articolo è dedicato al c.d. Falconiere, attualmente conservato nel Museo dell’Opera del Duomo di Ravello. Si tratta di un altorilievo di epoca federiciana, realizzato in un unico blocco di marmo, che rappresenta un giovane uomo con un falcone nella mano sinistra e nella destra il cappuccio o, più probabilmente, il tiratorio, ovvero il pezzo di carne sul quale il volatile sfogava la sua aggressività. A fianco è un cane che addenta la preda. L’opera non pone problemi cronologici, ma si rivela un vero ‘rompicapo’ quanto al soggetto e alla provenienza. Il problema della collocazione originaria del pezzo – che un inventario del 1811 menziona nella chiesa di S. Giovanni del Toro – è del resto strettamente legato a quello del suo significato. In primo luogo, viene sgombrato il campo dall’ipotesi che possa trattarsi di un ritratto di Federico II o di suo figlio Manfredi , sia per la foggia della corona – troppo ‘modesta’ per poter essere interpretata come attributo di potere – sia soprattutto per le modalità di rappresentazione del personaggio: esse, infatti, differiscono totalmente da quanto conosciamo sulla ritrattistica imperiale federiciana. Quindi viene analizzata la possibilità che ci troviamo di fronte a un frammento di un ciclo dei Mesi (sarebbe la figura di Maggio) o delle Età dell’uomo (sarebbe l’Adolescenza), o che la scultura facesse parte di un monumento funebre. In tutti gli esempi appartenenti a queste tipologie, però, il cane (quando è presente) non è mai còlto in un’azione così vivace come quella che vediamo nel nostro rilievo. Nei romanzi arturiani e nella letteratura trobadorica il falco è l’attributo dell’amante e nella produzione eburnea tardomedievale appaiono con grande frequenza soggetti quali la Cavalcata degli amanti e l’Incontro amoroso, in cui la l’animale (in mano a uno dei due amanti, o a entrambi) è una presenza pressoché costante. L’altorilievo di Ravello viene quindi interpretato come una Minneallegorie (cioè come un’allegoria dell’amore cortese) e di conseguenza collegato a un contesto profano, forse una fontana o una residenza nobiliare. L’analisi della lavorazione della figura dà ulteriori indicazioni. L’inclinazione dei piedi e la traiettoria dello sguardo permettono, infatti, di determinare l’ipotetico punto di osservazione e stabilire che il rilievo doveva essere collocato a un’altezza di circa m 1.80 da terra. Viene inoltre sottolineato che la lastra non ha uno spessore omogeneo, ma è più profonda a sinistra dove la figura è lavorata quasi a tutto tondo: ciò dimostra che da quel lato era perfettamente visibile. A destra la situazione appare, invece, completamente diversa: qui, infatti, a causa della riduzione dello spessore, il rilievo si abbassa notevolmente mentre la superficie lavorata gira oltre l’angolo. Quest’ultimo dato rivela in maniera evidente che non si tratta di un frammento di una lastra più grande. Sia la forma della lastra, sia la lavorazione delle figure rendono dunque plausibile l’ipotesi dell’appartenenza del pezzo a un palazzo più che a una fontana.
Scultura; Gotico; Ravello; Federico II; Falconeria; Italia
01 Pubblicazione su rivista::01a Articolo in rivista
Qualche riflessione sul falconiere del Museo dell’Opera del duomo di Ravello / D'Achille, Anna Maria. - In: ARTE MEDIEVALE. - ISSN 0393-7267. - STAMPA. - VIII:IV(2017), pp. 135-150.
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
D'Achille_Qualche riflessione -sul- falconiere_2017.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 3.29 MB
Formato Adobe PDF
3.29 MB Adobe PDF   Contatta l'autore

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1073187
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact