Paesaggi come inversione dello sguardo