Quale futuro per i settori esclusi da Agenda 2000