Il magistrato repubblicano e il bottino di guerra mobiliare