Il "monito" di Sven Hedin: un modello svedese di conservatorismo russofobo