Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo «orga­nizzativo»: la fattispecie