Luigi Taparelli d’Azeglio, rettore del Collegio Romano, di fronte alla riforma della Ratio studiorum (1824-1829)