Note sulla "normalizzazione" della questione di fiducia