Forme della virtù nel primo Settecento. Dalle "antiche favole" alla "pubblica felicità"