Henry James e il museo tra realtà e finzione