Riconoscere la mente. Alcune riflessioni su Stanley Cavell