Paucorum in usum? Travagli di un editore critico nell'era della post-verità