La chiosa di Boccaccio a "Inf." II 61: "l'amico mio, e non de la ventura"