Nelle more della stipulazione di un nuovo accordo, l’utilizzo da parte dell’Italia del criterio della nazionalità – con le opportune cautele, anche di politica giudiziaria – sembrerebbe meglio riflettere l’impianto complessivo del Trattato, pur con i condizionamenti e i problemi che sono stati messi in luce. Inoltre, con specifico riguardo alla disciplina applicabile in materia di salute e sicurezza sul lavoro, l’Ente italiano che si trova a gestire la Stazione Concordia dovrebbe garantire, indipendentemente da una identica volontà per parte francese, gli standard di tutela previsti dall’ordinamento italiano e, qualora più elevati, quelli previsti dalla legislazione francese di riferimento, almeno nei confronti di coloro a cui l’Italia abbia rilasciato un’autorizzazione a svolgere un’attività all’interno dell’area antartica in cui il Trattato trova applicazione, nonché nei confronti di co- loro che facciano parte di una spedizione diretta verso o eseguita all’interno dell’Antartide che sia stata organizzata nel o sia partita dal territorio italiano.

Il riparto della giurisdizione in Antartide. profili internazionalistici nei rapporti tra Italia e Francia / Cimiotta, Emanuele; Napoletano, Nicola. - STAMPA. - (2017), pp. 11-36.

Il riparto della giurisdizione in Antartide. profili internazionalistici nei rapporti tra Italia e Francia

Emanuele Cimiotta;Nicola Napoletano
2017

Abstract

Nelle more della stipulazione di un nuovo accordo, l’utilizzo da parte dell’Italia del criterio della nazionalità – con le opportune cautele, anche di politica giudiziaria – sembrerebbe meglio riflettere l’impianto complessivo del Trattato, pur con i condizionamenti e i problemi che sono stati messi in luce. Inoltre, con specifico riguardo alla disciplina applicabile in materia di salute e sicurezza sul lavoro, l’Ente italiano che si trova a gestire la Stazione Concordia dovrebbe garantire, indipendentemente da una identica volontà per parte francese, gli standard di tutela previsti dall’ordinamento italiano e, qualora più elevati, quelli previsti dalla legislazione francese di riferimento, almeno nei confronti di coloro a cui l’Italia abbia rilasciato un’autorizzazione a svolgere un’attività all’interno dell’area antartica in cui il Trattato trova applicazione, nonché nei confronti di co- loro che facciano parte di una spedizione diretta verso o eseguita all’interno dell’Antartide che sia stata organizzata nel o sia partita dal territorio italiano.
978-88-15-27316-1
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Cimiotta_Giurisdizione-in-Antartide_2017.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Documento in Post-print (versione successiva alla peer review e accettata per la pubblicazione)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 162.81 kB
Formato Adobe PDF
162.81 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Cimiotta_copertina-quarta-di-copertina-frontespizio-indice-Giurisdizione-in-Antartide_2017.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 893.1 kB
Formato Adobe PDF
893.1 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/966531
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact