Tradizionalmente il pericolo viene da fuori. Ma il confine tra dentro e fuori, tra interno ed esterno, persino quello tra pericoloso e piacevole ha a che fare con delle metafore. Dipende dal modello culturale che costruisce la nostra rappresentazione del mondo, l’immagine dei suoi confini e dei suoi rischi. Ad esempio, la metafora della comunità (nazionale) ha come esterno le altre comunità e come pericolo quello della sua disgregazione; quella del corpo (sociale) ha come esterno gli altri corpi e come pericolo la malattia o la degenerazione; quella dell’abitazione, della casa, ha come esterno la strada, il luogo di passaggio e come pericolo quello dell’intrusione. Intorno a queste metafore si è costruita negli anni la rappresentazione dei fenomeni migratori e la figura dello straniero. Metafore corrispondenti, nello stesso tempo, a «mondi di significato», rappresentazioni sociali diffuse nella società come senso comune e conoscenza del mondo e a rappresentazioni mediali e news frame che le usano e le trasmettono, le amplificano e riempiono di argomenti e di storie. Ma fanno di più. Sono determinanti nella costruzione culturale dei problemi sociali, alla costruzione dell’agenda politica e quindi alla formazione delle policy.

Confini. Metafore, frame e spazi nella definizione del nemico / Binotto, Marco. - STAMPA. - (2016), pp. 139-161. - SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE.

Confini. Metafore, frame e spazi nella definizione del nemico

BINOTTO, Marco
2016

Abstract

Tradizionalmente il pericolo viene da fuori. Ma il confine tra dentro e fuori, tra interno ed esterno, persino quello tra pericoloso e piacevole ha a che fare con delle metafore. Dipende dal modello culturale che costruisce la nostra rappresentazione del mondo, l’immagine dei suoi confini e dei suoi rischi. Ad esempio, la metafora della comunità (nazionale) ha come esterno le altre comunità e come pericolo quello della sua disgregazione; quella del corpo (sociale) ha come esterno gli altri corpi e come pericolo la malattia o la degenerazione; quella dell’abitazione, della casa, ha come esterno la strada, il luogo di passaggio e come pericolo quello dell’intrusione. Intorno a queste metafore si è costruita negli anni la rappresentazione dei fenomeni migratori e la figura dello straniero. Metafore corrispondenti, nello stesso tempo, a «mondi di significato», rappresentazioni sociali diffuse nella società come senso comune e conoscenza del mondo e a rappresentazioni mediali e news frame che le usano e le trasmettono, le amplificano e riempiono di argomenti e di storie. Ma fanno di più. Sono determinanti nella costruzione culturale dei problemi sociali, alla costruzione dell’agenda politica e quindi alla formazione delle policy.
Tracciare confini. L'immigrazione nei media italiani
9788891709806
Media, Migrazioni, Rappresentazioni, Giornalismo, Policy, Comunicazione, Fenomeni politici, Agenda, Policy image, metafore
02 Pubblicazione su volume::02a Capitolo o Articolo
Confini. Metafore, frame e spazi nella definizione del nemico / Binotto, Marco. - STAMPA. - (2016), pp. 139-161. - SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE.
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/947913
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact