Si scrive ‘guerra’, ma si chiama rivoluzione…”. Un’eco russa della Grande Guerra: Leonid Andreev