Attraverso gli archetipi fondamentali dell’eterno fanciullo e della grande madre, viene indagato nell’intera opera morantiana – inclusi i contributi poetici e la primissima produzione narrativa – il ripresentarsi di moduli psicologici che sono alla base della vita come della scrittura di Elsa Morante, a partire da eventi biografici (traumatici) sui quali la critica si è troppo poco soffermata. L’indagine, che si avvale dell’ausilio di testi psicanalitici e in uguale misura del confronto coi lavori di altri intellettuali, italiani e stranieri, è divisa in tre macrosezioni, articolandosi in una prima fase dedicata al trattamento dell’immagine del puer aeternus, quindi in una seconda inerente il tema della magna mater, e infine in una conclusiva in cui si propone un’unione degli archetipi, inquadrati entrambi in un punto cruciale raggiunto dall’autrice nella raccolta "Alibi", soprattutto, e all’interno de "Il mondo salvato dai ragazzini e altri poemi". Il risultato sarà l’emergere di un vero e proprio regno poetico, quasi un sistema filosofico che inoltre si approfondisce, e specifica, da un lato grazie al sostrato greco-omerico, con tutto il suo carico di presupposti e valori cui Elsa Morante si mantenne sempre fedele, dall’altro tramite una visione cattolico-cristiana che era altrettanto potente e pervasiva. La crasi fra le due istanze diverrà così la chiave di volta per penetrare l’universo fantastico, cioè traumatico e poetico, di uno dei più grandi narratori del ‘900 italiano. Anche attraverso interviste dirette ad alcuni dei suoi amici e parenti quali Daniele e Laura Morante, Mario Fortunato, Giorgio Montefoschi, Lorenzo Capellini, Renzo Paris e altri, viene restituita l’immagine più dolorosa e intima della scrittrice: sottosuolo imprescindibile, profondissimo e fondativo, dei suoi processi immaginativi quanto narratologici.

Elsa Morante madre e fanciullo. Intensità di archetipi e sogni nella vita di una scrittura. (Prefazione di Tjuna Notarbartolo, postfazione di Giuliana Zagra) / Bubba, Angela. - STAMPA. - (2016), pp. 1-756.

Elsa Morante madre e fanciullo. Intensità di archetipi e sogni nella vita di una scrittura. (Prefazione di Tjuna Notarbartolo, postfazione di Giuliana Zagra)

BUBBA, ANGELA
2016

Abstract

Attraverso gli archetipi fondamentali dell’eterno fanciullo e della grande madre, viene indagato nell’intera opera morantiana – inclusi i contributi poetici e la primissima produzione narrativa – il ripresentarsi di moduli psicologici che sono alla base della vita come della scrittura di Elsa Morante, a partire da eventi biografici (traumatici) sui quali la critica si è troppo poco soffermata. L’indagine, che si avvale dell’ausilio di testi psicanalitici e in uguale misura del confronto coi lavori di altri intellettuali, italiani e stranieri, è divisa in tre macrosezioni, articolandosi in una prima fase dedicata al trattamento dell’immagine del puer aeternus, quindi in una seconda inerente il tema della magna mater, e infine in una conclusiva in cui si propone un’unione degli archetipi, inquadrati entrambi in un punto cruciale raggiunto dall’autrice nella raccolta "Alibi", soprattutto, e all’interno de "Il mondo salvato dai ragazzini e altri poemi". Il risultato sarà l’emergere di un vero e proprio regno poetico, quasi un sistema filosofico che inoltre si approfondisce, e specifica, da un lato grazie al sostrato greco-omerico, con tutto il suo carico di presupposti e valori cui Elsa Morante si mantenne sempre fedele, dall’altro tramite una visione cattolico-cristiana che era altrettanto potente e pervasiva. La crasi fra le due istanze diverrà così la chiave di volta per penetrare l’universo fantastico, cioè traumatico e poetico, di uno dei più grandi narratori del ‘900 italiano. Anche attraverso interviste dirette ad alcuni dei suoi amici e parenti quali Daniele e Laura Morante, Mario Fortunato, Giorgio Montefoschi, Lorenzo Capellini, Renzo Paris e altri, viene restituita l’immagine più dolorosa e intima della scrittrice: sottosuolo imprescindibile, profondissimo e fondativo, dei suoi processi immaginativi quanto narratologici.
2016
978-88-6344-396-7
Morante, madre, fanciullo, archetipo, sogno, scrittura, maternità, infanzia
03 Monografia::03a Saggio, Trattato Scientifico
Elsa Morante madre e fanciullo. Intensità di archetipi e sogni nella vita di una scrittura. (Prefazione di Tjuna Notarbartolo, postfazione di Giuliana Zagra) / Bubba, Angela. - STAMPA. - (2016), pp. 1-756.
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/931131
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact