Giuseppe Colombo e la memoria della pittura