Profilo di Alessandro Anselmi per il catalogo delle collezioni del MAXXI Dall’esperienza dl GRAU (Gruppo Romano Architetti Urbanisti) ai progetti più riconosciuti Dopo il GRAU (anni Ottanta) Anselmi avvia una riflessione teorica e progettuale sul modo in cui l’architettura dà forma e senso ai luoghi, corrompendoli e lasciandosi corrompere da essi. Rientrano in questa fase il progetto per il Teatro della Cultura a Chambéry-le-Haut (1982), il Municipio di Rezé-les-Nantes (1986), il Terminal della metropolitana e il centro commerciale a Sotteville-les-Rouen (1993) che dà l’avvio ad una fase in cui le architetture, definite da superfici ripiegate, evocano suggestioni zoomorfe. Alla fine degli anni Novanta una serie di progetti significativi di una nuova stagione quasi espressionista, definitivamente svincolata dall’iniziale approccio geometrico, fra i quali quello per il Palazzo dei Congressi a Riccione e il complesso parrocchiale San Pio da Pietrelcina. Parco nello scrivere, Alessandro Anselmi ha affidato il racconto del suo pensiero progettuale e critico ad una serie numerosissima di disegni a mano libera. Docente universitario e Accademico di San Luca. Nel 1999 ha ricevuto il Premio Presidente della Repubblica per l’Architettura.

Alessandro Anselmi / Argenti, Maria. - STAMPA. - (2015), pp. 20-20.

Alessandro Anselmi

ARGENTI, Maria
2015

Abstract

Profilo di Alessandro Anselmi per il catalogo delle collezioni del MAXXI Dall’esperienza dl GRAU (Gruppo Romano Architetti Urbanisti) ai progetti più riconosciuti Dopo il GRAU (anni Ottanta) Anselmi avvia una riflessione teorica e progettuale sul modo in cui l’architettura dà forma e senso ai luoghi, corrompendoli e lasciandosi corrompere da essi. Rientrano in questa fase il progetto per il Teatro della Cultura a Chambéry-le-Haut (1982), il Municipio di Rezé-les-Nantes (1986), il Terminal della metropolitana e il centro commerciale a Sotteville-les-Rouen (1993) che dà l’avvio ad una fase in cui le architetture, definite da superfici ripiegate, evocano suggestioni zoomorfe. Alla fine degli anni Novanta una serie di progetti significativi di una nuova stagione quasi espressionista, definitivamente svincolata dall’iniziale approccio geometrico, fra i quali quello per il Palazzo dei Congressi a Riccione e il complesso parrocchiale San Pio da Pietrelcina. Parco nello scrivere, Alessandro Anselmi ha affidato il racconto del suo pensiero progettuale e critico ad una serie numerosissima di disegni a mano libera. Docente universitario e Accademico di San Luca. Nel 1999 ha ricevuto il Premio Presidente della Repubblica per l’Architettura.
MAXXI ARCHITETTURA. Catalogo delle collezioni
9788874627790
Alessandro Anselmi; GRAU; Architetti romani
02 Pubblicazione su volume::02a Capitolo o Articolo
Alessandro Anselmi / Argenti, Maria. - STAMPA. - (2015), pp. 20-20.
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Argenti_Alessandro-Anselmi_2015.pdf

solo gestori archivio

Note: https://www.quodlibet.it/libro/9788874627790
Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 306.64 kB
Formato Adobe PDF
306.64 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/843224
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact