La “riflessione non riflettuta”: Leopardi e l’automatico/organico